Comune di Giulianova

Contrada di San Francesco: la chiesa di Sant'Antonio da Padova e il Torrione "Il Bianco"

Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sul nostro canale Youtube Seguici sul nostro account Twitter
Città di Giulianova - Portale del Turismo
Multilingua
Borghi storici marinari
Cosa vedere a Giulianova
Arte e cultura
Guida della Città e materiale informativo
Spiaggai diversamente abili
Spiaggia animali a quattro zampe
Imposta di soggiorno

Calendario eventi

LUNMARMERGIOVENSABDOM
       
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
«   Ottobre  2020   »
Non ci sono eventi in programma
Luoghi da visitare
Giulianova Turismo » Itinerari » Luoghi da visitare » lettura Turismo - Cosa vedere
Contrada di San Francesco: la chiesa di Sant'Antonio da Padova e il Torrione "Il Bianco"
Giulianova
borgo antico, chiese antiche
Telefono: 085 802 7930 - 0858021308/290
Indicazioni stradali
Caricamento Google Maps.......attendere
Giorni di apertura al pubblico
dal lunedì al venerdì: 8-18
sabato: 8-12/17-19.30
domenica: 17-19.30
Informazioni e prenotazioni

Punto Informazioni e Accoglienza del Polo Museale Civico, piazza Buozzi: dal 15 luglio 2020 orario 9.30 -13.00/16.00-20.30
0858021290 museicivici@comune.giulianova.te.it

Descrizione

In origine dedicata a San Francesco, era parte di un grande convento francescano costruito lungo le mura meridionali nel corso del Cinquecento. Dopo aver ospitato il carcere e il Municipio nell’Ottocento, il convento fu smantellato per lasciare il posto all’edificio scolastico nel 1912. La facciata in laterizio mostra le varie fasi di costruzione: nella muratura si distingue il tetto a capanna con una finestra centrale della prima chiesa e la sopraelevazione sei-settecentesca. Tra i più ricchi della regione, il centro conventuale venne progressivamente distrutto all’inizio del Novecento per lasciare posto all’edificio scolastico tuttora esistente. Il portale d’ingresso in pietra reca la scritta in capitali latine STIGMATA CRISTI SUSTULIT ECCE DOMUS 1566: “le stigmate di Cristo sostengono questa dimora 1566”.

L’interno, con le sue sculture e i suoi rilievi in stucco, è un sorprendente trionfo del tardo-barocco: tra i principali monumenti del Settecento in Abruzzo, è opera delle maestranze guidate da Girolamo Rizza da Veglio. Sulle pareti movimentate da nicchie con altari, corrono dei riquadri con scene a rilievo del Vecchio e Nuovo Testamento. L’abside è dominata dal gruppo di rilievi in stucco della Gloria di San Francesco. Sopra la cantoria all'ingresso spicca la cassa d’organo realizzata da Onofrio Cacciapuoti e dalla sua bottega nel 1737.

Lungo via del Popolo troviamo il torrione "Il Bianco", detto anche di Porta Napoli. Dopo i lavori ottocenteschi per il riempimento del fossato la torre è rimasta per buona parte interrata e al momento è visibile soltanto la cima del baluardo. Sulla muratura è possibile notare le aperure per la difesa.

 

 

English

“THE WHITE” TOWER

The walls of Julia, northern entrance of the Kingdom of Naples, were the essential defensive element and the necessary functional structure of the new foundation.
The evidences we still have today of the original town walls, at that time surrounded by a deep moat, are the towers called “the Stronghold”, “the White”, “da Capo” or “Holy Mary” and the small tower of the Ducal Palace.

The tower “The White” is situated in the western side of the town walls, along today’s via del Popolo; it would have the same scarped structure of the tower “The Stronghold” if it hadn’t been partly covered with earth in the filling works of the moat and of the new ring road.
What is still visible today is only the upper part of the tower, so in order to perceive its whole massive structure it should be digged out both inside and outside.
A remarkable difference with the tower "The Stronghold" is the conservation in “The White" of the openings of bombards we can see halfway the visible wall of the tower.

(Versione inglese a cura degli studenti del Liceo Scientifico "Curie" di Giulianova, Progetto Alternanza Scuola Lavoro Polo Museale Civico anno 2014)

 


 

Sant'Antonio Giulianova

Altro da vedere

La Contrada di San Francesco è compresa nella parte merdionale della città di Giulia, un tempo a ridosso delle mura a Sud. La Contrada è formata da piccole stradine chiamate "ruette". Una delle più caratteristiche è certamente il Vico del Gallo, una traversa di via San Francesco, a pochi passi dalla chiesa di Sant'Antonio: un luogo dove riposare all'ombra dei tigli gustando il silenzio e la vita degli abitanti.

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

Telefono  Informazione ed Accoglienza Turistica (IAT): 0858021800

Telefono  Informazioni ed Accoglienza Polo Museale Civico: 0858021290

Telefono  Biblioteca Civica "V. Bindi": 0858021308

Email  turismo@comune.giulianova.te.it

 

 


Pagina Facebook  Pagina Twitter  Youtube

Il portale Turistico della Città di Giulianova è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eTOURIST

Il progetto Giulianova Turismo è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB S.p.A.